Categorie
Blog

Lotteria degli Scontrini

Lotteria degli Scontrini

Partenza ufficiale dal 1 febbraio 2021

Con un comunicato ufficiale viene annunciata la conferma attesa in queste ore: la Lotteria degli Scontrini potrà avere il via a partire da lunedì 1 febbraio 2021. Così come indicato in questa settimana di avvicinamento, non tutti gli esercenti potranno partecipare fin dal primo giorno, ma la Lotteria prenderà comunque il via dopo troppi rinvii ed entro aprile tutti i commercianti saranno definitivamente allineati.

Lotteria degli Scontrini: come funziona?

Ogni cittadino che voglia partecipare alla Lotteria degli Scontrini non deve far altro che creare un Codice Lotteria tramite l’apposito sito. Questo codice può essere stampato o salvato sullo smartphone, così da poterlo esibire quando si effettua un acquisto. Mostrandolo al commerciante prima della produzione dello scontrino, servirà per trasformare lo scontrino stesso in una opportunità di vincita. Ogni singolo euro di spesa (entro i 1000 euro di massimale) equivale ad una possibilità di vincere: lo scontrino, quindi, è di fatto la somma di tanti biglietti della lotteria, purché il pagamento avvenga senza l’uso di contante.

Non possono partecipare alla lotteria gli acquisti in contanti, gli acquisti online, quelli per i quali si emette fattura e quelli per i quali il cliente fornisce all’esercente il proprio codice fiscale o tessera sanitaria a fini di detrazione o deduzione fiscale.

Quanto si vince?

Questo l’ultimo aggiornamento comunicato da MEF, Sogei, ADM e Agenzia delle Entrate:

Giovedì 11 marzo è fissata la prima estrazione mensile che distribuirà premi da 100.000 euro a 10 acquirenti e premi da 20.000 a 10 esercenti a fronte di scontrini trasmessi e registrati al Sistema lotteria dal 1° al 28 febbraio. Da giugno si aggiungeranno le estrazioni settimanali che distribuiranno ogni settimana 15 premi da 25.000 euro per chi compra e 15 premi da 5.000 euro per chi vende. A inizio del prossimo anno si terrà la prima estrazione annuale che premierà uno degli acquisti effettuati dal 1° febbraio al 31 dicembre 2021 assegnando 5 milioni di euro a un acquirente e 1 milione di euro a un esercente.

Dal 1 febbraio sarà attivata sul sito ufficiale un’Area Riservata (ad oggi non ancora accessibile) dentro la quale poter inserire i propri dati, quale ad esempio un indirizzo PEC. Se si sfrutta questo canale, in caso di vincita si riceverà un messaggio che annuncia l’avvenuta estrazione. In alternativa la comunicazione avverrà tramite raccomandata con avviso di ricevimento.

La comunicazione segnalerà l’obbligo di recarsi, entro novanta giorni, presso l’ufficio dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli competente in base alla propria residenza o al proprio domicilio fiscale. Il premio arriverà direttamente tramite bonifico bancario o postale.

Le estrazioni mensili avverranno ogni secondo giovedì del mese. Da giugno si aggiungeranno le estrazioni settimanali. Tutti gli scontrini emessi dal 1 febbraio saranno validi per concorrere all’estrazione del premio annuale.

Come creare il Codice Lotteria

Creare il Codice Lotteria è molto semplice poiché sono sufficienti 3 passaggi:

  1. si va sulla pagina dedicata, clicca qui
  2. si inserisce il proprio codice fiscale
  3. si genera il codice da stampare o salvare sul proprio smartphone

Al termine della procedura si otterrà un codice come quello seguente, da conservare per tutti i futuri utilizzi:

Qualora si smarrisca il codice, nessun problema: risultando già registrato sui server della lotteria, in caso di estrazione si avrà comunque diritto alla vincita. Inoltre sarà sufficiente ripetere l’operazione e produrre un nuovo Codice Lotteria, il quale sarà nuovamente legato a medesimo codice fiscale e resterà registrato assieme a quello antecedente. I nuovi scontrini verranno registrati sul nuovo codice e si avranno medesime opportunità di vittoria.

Ogni partecipante, insomma, potrà avere innumerevoli codici lotteria: la cosa è del tutto insignificante ai fini della vittoria e della trasformazione degli scontrini in possibilità di vincere.

Categorie
Blog

2020 diventa un video-game

Il 2020 diventa un video gioco

Ogni livello gioco è un evento anno passato, anche Trump e Zoom

Il 2020 con tutti i suoi disastri diventa un videogame. Si chiama ‘2020 Game’ e l’autore è lo sviluppatore Max Garkavyy che lo ha messo a punto in sei mesi.

Ci sono gli incendi in Australia, il Covid-19 con la quarantena e il vaccino, le riunioni su Zoom, l’ascesa di TikTok e il duello Trump-Biden.

Ogni livello di gioco – spiega il sito specializzato The Verge – prende la forma di un evento o di una tendenza importante dell’anno passato, l’intera esperienza è accompagnata da una bella grafica e da scelte musicali. Ci vogliono circa dieci minuti per completare il gioco, è possibile giocare sia su pc sia su smartphone.

Non è la prima volta che i videogiochi, oramai una vera e propria industria dell’intrattenimento, si adeguano alla realtà.

Dopo il movimento #Metoo, ad esempio, Sony decise di mettere un freno ai contenuti sessualmente espliciti che girano sulla sua console da gioco, la PlayStation. E negli Stati Uniti, quasi dieci anni fa, il movimento degli Indignati e di Occupy Wall Street fecero fiorire sul mercato giochi ispirati alla protesta.

Categorie
Blog

Internet a casa a soli 12,90 €

Internet a casa a soli 12,90 €

L'operatore di telefonia mobile finalmente anche a casa tua...

Nuova offerta dell’operatore ho-mobile, nato da una costola di Vodafone, ben presto si è affermato nel mercato della telefonia mobile.

Oggi Ho mobile decide di integrare nuove offerte, sempre con la trasparenza e la copertura che contraddistingue, con due nuovi pacchetti, espressamente pensati per la casa.

Oggi avere la linea internet a casa senza sottoscrivere un contratto con un operatore di telefonia classico e praticamente complicato. Oggi é possibile averla grazie all’accordo Ho-Mobile e Amazon.

Tu scegli l’innovativa offerta di ho per la connettività di casa e accedi allo sconto per l’acquisto di un router 4G TP-Link su Amazon.

Questa offerta è dedicata ai clienti che hanno bisogno di utilizzare solo i giga. Se la usi anche per parlare o inviare sms il costo è di 0,19€ al minuto e di 0,29€ per sms inviato. In Unione Europea puoi usare senza costi aggiuntivi 7,1 giga per l’offerta 100 giga e 11,0 giga per l’offerta 200 giga, mentre per minuti e SMS il costo è lo stesso indicato per l’Italia.

Categorie
Blog

Whatsapp ritarda il blocco

Whatsapp ritarda il blocco

L’azienda ha spiegato che l’8 febbraio nessun account sarà sospeso o eliminato, come inizialmente comunicato ai clienti di tutto il mondo, mentre “prima del 15 maggio gli utenti potranno rivedere l’informativa” 

Dopo la decisione dell’app di messaggistica istantanea più popolare al mondo di cambiare l’aggiornamento della privacy dei propri utenti, chiedendo a milioni di persone l’ok per non rischiare lo stop al servizio, c’è un passo indietro di Facebook, azienda che ha acquistato WhatsApp nel 2014. 

“L’8 febbraio nessun account sarà sospeso o eliminato – ha fatto sapere lo stesso colosso web – In modo graduale, e secondo le tempistiche di ciascuno, inviteremo i nostri utenti a rivedere l’informativa prima del 15 maggio, quando saranno disponibili le nuove opzioni business”.

Whatsapp e privacy, cosa cambia e quali sono le alternative

APPROFONDIMENTO – Cosa cambia con questa novità

Per gli utenti dell’Unione europea, in realtà, non cambierà nulla, grazie anche al Gdpr, il regolamento europeo per la protezione dei dati personali, una delle leggi più avanzate in materia. 

Il messaggio e l’informativa però sono stati definiti “poco chiari e intellegibili” dal Garante della Privacy che ha portato la questione all’attenzione dell’Edpb, il Board che riunisce le Autorità privacy europee, riservandosi comunque “di intervenire, in via d’urgenza, per tutelare gli utenti italiani”. 

Secondo WhatsApp invece “fornisce ulteriore trasparenza” su come vengono raccolti e utilizzati i dati. I maggiori cambiamenti riguarderanno gli utenti extra europei, che forniranno i propri dati per scopi commerciali anche a Facebook.

WhatsApp chiede l'aggiornamento della privacy

APPROFONDIMENTO – Le nuove regole dell’app

Le nuove regole che i clienti sono stati invitati ad accettare, all’apparenza non sono molto diverse da quelle precedenti. Sono però più dettagliate. 

WhatsApp offre a clienti e affiliati “informazioni su ordini, transazioni e appuntamenti, notifiche su consegne e spedizioni, aggiornamenti su prodotti, servizi e marketing” che vengono condivisi con “servizi specifici ad aziende e ad altre organizzazioni”.

Inoltre, sul sito di WhatsApp si legge che “per gestire i nostri servizi globali, dobbiamo memorizzare e distribuire contenuti e informazioni nei nostri data center e sistemi di tutto il mondo, anche al di fuori dei Paesi di residenza dell’utente e di proprietà dei nostri fornitori di servizi, comprese le società affiliate, o gestita da essi”.

In sostanza, è vero che non cambiano le modalità, ma potrebbero aumentare invece le aziende con cui WhatsApp scambia dati e informazioni. 

I dati che possono essere condivisi tra WhatsApp, Facebook e le altre aziende del gruppo non sono solo il numero di telefono e i contatti, il nome e l’immagine dei gruppi, ma anche la durata e la frequenza delle interazioni come singoli utenti e aziende, compresi i dati sulle transazioni e le informazioni sui dispositivi usati. 

Categorie
Blog

Boom e-commerce con Poste Italliane

Il mese di Dicembre 2020 si registra nuovamente un dato significativo relativo le attivitá di e-commerce sul territorio nazionale.

Poste Italiane ha consegnato oltre 20 milioni di pacchi, legati alle attività di e-commerce, superando di oltre 10 milioni il periodo precedente di dicembre 2019.

Fa quindi registrare una crescita di un abbondante 56%.

Come dire che un italiano su quattro ha ricevuto un pacco mediante i fattorini Poste o aziende ad essa collegate, ad esempio SDA. 

Da rilevare che Poste Italiane sta rinnovando la propria flotta con l’obiettivo di arrivare a 26mila mezzi a basso impatto ambientale entro il 2022.

 

 

“In Basilicata, a Potenza e provincia sono stati consegnati a dicembre il 117% di pacchi in più rispetto allo stesso mese del 2019”

I dati, presentati oggi attraverso il portale Tg Poste (https://tgposte.poste.it), confermano la continua crescita degli e-commerce in Italia da parte delle piccole e medie imprese.

“Ricordiamo che il 2020 aveva già segnato dall’esplosione dell’e-commerce, con un +31%. Inoltre sono aumentati del 40% i voli di Poste Air Cargo, il vettore aereo di Poste Italiane.”

A far fronte alle richieste sempre più numerose, riferisce l’amministratore delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante, è stato da poco attivato un ulteriore centro di smistamento a Roma, mentre un prossimo è previsto nella zona di Milano.

Ulteriore rafforzamento della posizione di Poste Italiane per migliorare la logistica, in previsione di una ulteriore crescita del comparto e-commerce, è l’alleanza con Milkman, piattaforma logistica specializzata per le consegne personalizzate.

Ulteriore accordo é stato stretto anche con il vettore digitale Sennder GmbH, start-up tedesca che offre soluzioni nel trasporto a lungo raggio a pieno carico.

Categorie
Blog

TechPaolo su Amazon

Ebbene si, anche io sono entrato a far parte degli Influencer certificati Amazon.

Categorie
Blog

Il nuovo Super Cashback

Il nuovo Super Cashback

Con la seconda fase del Cashback di Stato debutta anche il Super Cashback. L’ennesima conferma arriva direttamente dall’applicazione IO: chi ha aderito all’iniziativa nella sezione Portafoglio trova ora la voce “La tua posizione” al fianco di “Le tue transazioni”. Da lì sarà possibile controllare se il numero di pagamenti elettronici effettuati nei negozi è sufficiente o meno a ricevere i 1.500 euro extra previsti per i primi 100.000 classificati.

Super Cashback: la classifica nell’app IO
Per visualizzare la classifica, così come per ottenere il Cashback, è necessario effettuare almeno 50 transazioni valide entro la fine del periodo utile. Sono in media poco più di otto acquisti ogni mese.

Premendo su “La tua posizione” compare un messaggio che spiega in modo piuttosto chiaro come funziona il Super Cashback. Lo riportiamo di seguito.

La classifica si basa sul numero di transazioni eseguite con i metodi di pagamento su cui hai attivato il Cashback. In questo momento tutti i partecipanti sono nella stessa posizione. Non appena riceveremo le transazioni effettuate i primi giorni di quest’anno, verrà mostrata la tua posizione in classifica. Una volta pubblicata, la classifica continuerà a cambiare a seconda del numero di transazioni di tutti i partecipanti, fino alla fine dei sei mesi.

Ricordiamo che le fasi previste per il Cashback di Stato sono in totale quattro: la prima è durata solo qualche settimana e si è conclusa il 31 dicembre (Extra Cashback di Natale), la seconda ha preso il via l’1 gennaio 2021 e si chiuderà il 30 giugno 2021, mentre la terza e la quarta andranno in scena rispettivamente nei due semestri successivi. Per ognuna di queste è prevista l’assegnazione del Super Cashback da 1.500 euro ai primi 100.000 classificati oltre a quanto maturato con il rimborso del 10% sulla spesa effettuata in negozio (fino a un massimo di 150 euro).

Categorie
Blog

WhatsApp incoraggia Signal

Le modifiche ai termini di servizio e l’aggiornamento dell’informativa sulla privacy che entreranno in vigore dall’8 febbraio 2021 hanno creato un certo allarmismo tra gli utenti (anche se in Europa non è prevista la condivisione dei dati con Facebook). Per questo motivo, nelle ultime ore sono decisamente aumentati i download di Signal, come confermano alcune immagini pubblicate su Twitter.

Signal consigliata da Elon Musk
Due giorni fa è iniziato ad apparire un avviso su WhatsApp che informa gli utenti dell’imminente aggiornamento dei termini di servizio e dell’informativa sulla privacy. In alcuni paesi, tra cui gli Stati Uniti, il servizio di messaggistica condividerà alcuni dati degli utenti con Facebook. Poche ore dopo, Elon Musk ha condiviso questo tweet:

Solo due parole per consigliare ai suoi follower di utilizzare Signal e quindi, anche se non espressamente scritto, di abbandonare WhatsApp. Circa cinque ore dopo, sull’account dell’app è apparso questo messaggio:

In pratica, a causa del numero eccessivo di registrazioni, si sono verificati ritardi nell’invio del codice di verifica. L’incremento improvviso dei download è testimoniato da queste immagini:

Al momento, la versione per Android è al secondo posto della classifica Di tendenza del Google Play Store in Italia. Il tweet di Signal è stato anche condiviso da Edward Snowden, noto sostenitore dell’app di messaggistica. Il protocollo di Signal per la crittografia end-to-end, sviluppato da Open Whisper Systems, viene utilizzato anche da WhatsApp.

Telegram ha approfittato dell’occasione per deridere Facebook:

Microsoft ha invece pubblicato un tweet per sottolineare che Skype rispetta la privacy e che i dati personali degli utenti non sono venduti a nessuno:


Nel frattempo, vi consiglio questo splendido cellullare/smartphone, con ottime caratteristiche ad un prezzo veramente interessante.

2020 acquisti online agevolazioni amazon casa cashback comunicazione creazione e-commerce crescita e-commerce e-commerce taranto e-shop ecommerce ecommerce taranto eshop facebook fatturato finanza game gioco ho-mobile incentivi incremento innovazione internet Marketing messaggeria messaggi messaggistica messenger mobile pandemia poste italiane privacy rimborsi router sim sito e-commerce sito web social spedizioni tecnologia videogame videogioco whatsapp

Categorie
Blog

Come cambia Whatsapp

Nuovi termini di servizio in vigore, c’è tempo fino all’8 febbraio per aderire, poi non si potrà più usare l’app di messaggistica.

Categorie
Blog

La tecnologia che cambierà la vita nel 2021

Con il mondo che continua a lottare contro la pandemia, gli innovatori punteranno su soluzioni tecnologiche dedicate alla nostra vita personale e professionale.

Una pandemia che avrebbe devastato il mondo e accelerato la trasformazione digitale di tutto? Neanche il migliore dei futuristi o dei sensitivi avrebbe potuto prevedere questo 2020.

Innovazione ispirata dalla pandemia

Mascherine, webcam e disinfettanti per il nostro corpo… e i nostri gadget. La pandemia ha scatenato una dipendenza da cose che nel 2019 non avremmo mai potuto immaginare. Con il marketing desideroso di capitalizzare il nuovo interesse (e l’ansia), il 2021 sarà probabilmente pieno di nuovi aggeggi che promettono audacemente di migliorare il tutto.


Sono in arrivo versioni portatili dei disinfettanti a ultravioletti per la pulizia dei telefoni e dei gadget, da tenere in auto o in tasca. Un’altra cosa senza la quale alla fine potremmo non uscire mai di casa? Mascherine ad alta tecnologia. Aspettatevi una serie di funzioni integrate: Bluetooth e microfoni (vedere Maskfone), un depuratore d’aria indossabile alimentato a ventola (vedi LG PuriCare), una mascherina con un LED UV (vedere UV Mask). Arriveranno sensori di qualità dell’aria, assistenza per il tracciamento dei contatti e altro ancora.


Potreste anche finire con l’indossare un maglione da distanziamento sociale: SimpliSafe, un’azienda di sicurezza domestica, ha realizzato una versione che suona un allarme quando qualcuno si avvicina a meno di un metro e mezzo da voi. Pensato come un prototipo divertente, il maglione ha fatto subito il tutto esaurito.


 

Realtà assistita, non aumentata

Quando Apple rilascerà un paio di occhiali intelligenti? Probabilmente non nel 2021.

E nonostante Google abbia fatto un grande passo in questa categoria quest’estate acquisendo North, un pioniere degli occhiali da proiezione, ha annullato la seconda versione degli occhiali North nel tracciare il suo futuro.

In realtà è Facebook che ha dichiarato che lancerà gli occhiali intelligenti nel 2021 e saranno RayBan.


 

Altri workout a distanza… e visite mediche

Il curarsi a casa è un trend che continuerà. Secondo MoEngage, una società di ricerche di mercato, i download di applicazioni per la salute e il fitness sono cresciuti del 46% in tutto il mondo nella prima metà del 2020.


Anche le visite mediche stanno cambiando.

Gli ospedali hanno utilizzato il telefono, il video interattivo e la messaggistica per ridurre al minimo il contatto con i pazienti affetti da coronavirus, dopo l’introduzione di nuovi sistemi di telemedicina.

A marzo, le autorità federali hanno allentato la normativa sulla privacy sanitaria per consentire agli operatori sanitari di facilitare le visite su FaceTime, Facebook Messenger, Zoom o Skype.


 

E-commerce, che non sia Amazon

La pandemia ha concentrato l’equivalente di 10 anni di e-commerce da parte dei consumatori in un solo trimestre, e ha costretto tutte le aziende che non erano Amazon – specialmente quelle con una grande distribuzione – a darsi da fare per offrire ai consumatori nuovi e migliori modi di fare acquisti da casa.


Ora che la spedizione veloce e gratuita è la normalità e i rivenditori si rendono conto che non rivedranno il fatturato in persona su cui contavano prima della pandemia, i consumatori ottengono finalmente una versione online di un vecchio punto di riferimento per la vendita al dettaglio: i confronti tra negozianti.

Nel 2021, la value proposition di Amazon, che se non è sempre il modo meno costoso per fare acquisti, è almeno il più conveniente, sarà messa alla prova.

Nel frattempo, il suo potere di mercato, insieme a quello di Google, Facebook e Apple, continuerà a essere al centro dello scrutinio regolamentare.